Biella: diretti lumbard

Bono: Ben vengano i diretti da Biella a Milano, pur denotandone ancora la scarsità (uno solo in tutta la mattinata!), ma sottolineerei che Biella è in Piemonte e quindi è importante anche potenziare la mobilità verso Torino e comunque verso le stazioni sedi delle rotture di carico (Santhià verso Torino e Novara verso Milano). L’ottica in cui la Regione dovrebbe lavorare è quella di creare una rete di trasporti non solo metropolitana di Torino ma di tutta la Regione favorendo l’utilizzo del mezzo pubblico su ferro, integrato e sostituito in orari non di punta dai mezzi pubblici su ruota, eventualmente a chiamata. Dopo le 20.42 non è infatti più possibile abbandonare Biella su un mezzo pubblico, figurarsi dalle città che sono sedi di stazioni definite fantasma come Ghislarengo (dove l’ultimo treno è alle 18.47). La mobilità pubblica non è un lusso o un capriccio di qualche ambientalista, ma un servizio che deve essere garantito ai cittadini che per scelte organizzative, economiche o imposizioni fisiche optano per non usare il mezzo privato.

Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle Piemonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *