Chi ha tradito l’economia italiana ?

In occasione della chiusura della campagna elettorale per le europee e regionali, Venerdì 23 alle ore 20.30 presso l’oratorio San Giuseppe (salone ex cinema) Ivrea5Stelle ha organizzato il convegno dal titolo “Dalla forza dei sogni di Adriano Olivetti all’Europa dell’Euro e delle banche”.

Sarà ospite principale il dr. Antonino Galloni, importante personalità che ci relazionerà  sulle problematiche dell’Euro e dell’Europa da un punto di vista di chi le cose le ha vissute in prima persona da una posizione di rilievo.

Egli è infatti dottore in giurisprudenza ed economista  e la sua biografia qui sintetizzata dice tutto della sua autorevolezza :  si laurea in giurisprudenza nel 1975 e diventa ricercatore presso l’Università di Berkeley nel1979.

Tra il 1981 e il 1986 è stato collaboratore del prof. Federico Caffè della facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Roma, e dal 1987 al 1999 ha insegnato all’Università Cattolica di Milano, all’Università di Modena, alla Luiss e all’Università degli Studi di Roma.

Ha ricoperto diversi incarichi e ruoli ai ministeri dell’Economia e del Lavoro,  è stato direttore generale al ministero del Bilancio, sindaco effettivo dell’Inpdap dal 2002 al 2010 ed è attualmente membro effettivo del Collegio dei sindaci dell’Inps.

Le riflessioni di Galloni ci porteranno a valutare cosa ha significato l’Europa e l’Euro e se esiste spazio per  modelli di sviluppo alternativi quali quelli suggeriti e sperimentati all’epoca di Adriano Olivetti.

Non mancheranno sottolineature su retroscena sempre sottaciuti dai media che ci faranno capire come mai si è arrivati alla situazione attuale e quali sono i reali interessi in gioco e gli attori che possono cambiare le carte in tavola.

Durante la serata il ns. candidato consigliere alle elezioni regionali Riccardo Baldini sarà disponibile a rispondere ed illustrare i principali contenuti del programma del M5S per le elezioni regionali. Inoltre sarà l’occasione per sottolineare la posizione del M5s sulle questioni Euro ed Europa che i media tendono ad appiattire su un generico antieuropeismo.

La posizione invece del M5S parte dall’assunto che l’Europa non può risolversi in un cappio fiscale il cui unico esito consiste nell’impoverimento strutturale di sempre più ampi strati della sua popolazione.

L’azione dell’Italia in Europa dovrebbe focalizzarsi nel ricercare una intesa con gli stati europei più deboli, partendo dalla constatazione del “too big to fail”  che permetta loro di ridiscutere ed abolire sia il cosiddetto fiscal compact che le misure che disciplinano l’accesso al prestito in base al Meccanismo Europeo di Stabilità. Il M5S caldeggia inoltre  l’introduzione degli eurobond per ridistribuire il debito dei singoli paesi a livello europeo, insistendo sul fatto che l’Unione europea deve tornare ad essere una vera comunità.

Il M5S crede quindi che si possa ancora uscire dalla crisi con più Europa, ma non certo con questa Europa in mano alle banche ed alla finanza ed è pronto, in caso contrario, qualora la Germania e le altre nazioni forti non comprendano la necessità urgente di nuove strategie non potendosi neppure loro permettersi  il default di intere nazioni, ad applicare come estrema ratio il famoso “piano B” ovvero la ventilata uscita dall’Euro, previo referendum popolare.

Invitiamo la popolazione ad aprire gli occhi ed a partecipare numerosi alla serata per INFORMARSI da fonti autorevoli che non siano i soliti portatori di interessi di parte.

cittadino informato mezzo salvato !

Ivrea5Stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *