Comunicato “NO PIRO”

I cittadini del “NO PIRO” sono impegnati per la salvaguardia della salute, dell’ambiente e della possibilità di uno sviluppo sostenibile per il nostro territorio.
Riteniamo che l’informazione e l’azione, anche di protesta, siano le vie attraverso cui difendere il nostro futuro e quello dei nostri figli.
Ispirati da questi valori, ci siamo organizzati in modo democratico nelle nostre assemblee aperte a tutti, dove, attraverso libere e palesi votazioni si condividono gli obiettivi e si pianificano le azioni.
Siamo aperti alla comunicazione con tutta la popolazione che ricerchiamo organizzando serate di informazione e confronto, anche attraverso la distribuzione di materiale, feste, manifestazioni; cerchiamo inoltre la collaborazione con le istituzioni.
Noi del “NO PIRO” siamo fermamente e pacificamente contrari all’attivazione del pirogassificatore  costruito a Borgofranco d’Ivrea, nell’area dell’ex Alcan. L’impianto non deve operare perché porterà sicuro e grave danno alla salute della popolazione, all’ambiente e alle prospettive di sviluppo sostenibile della nostra comunità.
I progetti presentati in Provincia parlano della vera intenzione speculativa,  dopo la sperimentazione si vuole utilizzare l’impianto installato per passare all’incenerimento permanente di grandi quantità di rifiuti, è stata presentata in Provincia la richiesta di poter bruciare 16.000 tonnellate l’anno.
Il no alla sperimentazione è quindi inscindibile al no netto all’utilizzo del grande pirogassificatore che si vuole attivare nell’immediato futuro.
Siamo contrari a qualsiasi tipo di trattamento a caldo dei rifiuti perché producono nano polveri, diossine, furani e altre sostanze tossiche, quando queste vengono inalate o entrano nella catena alimentare producono un incremento della popolazione che si ammala di cancro, malformazioni fetali, Parkinson, Alzheimer e ictus, come sostenuto da centinaia di studi scientifici.
L’inquinamento dell’ambiente che l’inceneritore di Borgofranco  produrrà, andrà ad insistere su un territorio già ampiamente compromesso dal punto di vista ambientale, crediamo sia giunto il momento di invertire la rotta e andare verso un futuro sostenibile e naturale.
In questo futuro vediamo la crescita di un’agricoltura di eccellenza e biologica, tale sviluppo è inconciliabile con l’inquinamento di terra, acqua e cibo della nostra terra.
Il turismo del futuro premierà i territori che avranno salvaguardato la loro integrità e le loro bellezze naturali, il pirogassificatore sarà un danno di sostanza e di immagine allo sviluppo di questo settore che riteniamo fondamentale dopo l a deindustrializzazione del nostro territorio.
E’ noto che il valore immobiliare delle proprietà situate nei pressi di inceneritori diminuisce dopo l’apertura degli stessi.
L’incenerimento è un sistema di smaltimento dei rifiuti arcaico, con una ricaduta occupazionale minima, la vera occupazione proviene dall’impiego di personale in attività che realizzano la separazione, il riciclo e il recupero dei materiali.
Lo sviluppo economico, sociale e culturale della nostra comunità deve essere difeso pacificamente, dobbiamo comunicare, informare, lottare e  difendere il nostro  territorio.
Noi del “NO PIRO” siamo soliti  incontrarci nella sala del bar sport a Tavagnasco al giovedì , ore 20: 30, speriamo possiate venire, potremo così confrontarci e decidere.
Sul nostro sito www.nopiro.it  troverete i verbali di tutte le nostre libere riunioni, informazioni, documenti  ed eventi  relativi al nostro impegno.

One thought on “Comunicato “NO PIRO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *