Costo pasti nelle scuole e promesse mancate: Ivrea 5 Stelle presenta una mozione.

mensaIvrea

Tutti i comuni limitrofi li hanno, ma ad Ivrea adottare i buoni mensa a tariffazione giornaliera sembra essere una “missione impossibile”.

Nell’ottobre del 2013 arrivava una lettera dell’Assessore ai Sistemi Educativi del Comune di Ivrea, Augusto Vino, nella quale veniva comunicato un significativo aumento di costo del servizio mensa per le scuole materne ed elementari. La cosa destava preoccupazione perché si passava da circa 3,70 a circa 4,40 euro a pasto, indicativamente un aumento del 18%, ma la lettera diceva pure: “[…] siamo impegnati a modificare entro l’anno scolastico il sistema di tariffazione, passando dalla quota fissa mensile ad un sistema di pagamento solo per i pasti effettivamente consumati.”, il che lasciava sperare che l’aumento di prezzo dei singoli pasti sarebbe stato almeno in parte attenuato dalla possibilità di pagare soltanto quelli consumati. Dall’Ottobre 2013 ad oggi sono passati 15 mesi nei quali non è cambiato nulla in fatto di “pagamento solo per i pasti etc. etc.”, mentre le famiglie hanno pagato circa 15 euro in più a bambino, che per 12 mesi, considerando una media di due figli a famiglia, fanno 360 euro in più rispetto al 2013.

A chi pensasse che il Comune ha rincarato il servizio mensa per esigenze di cassa, ricordiamo che nel Consiglio comunale di venerdì 28/11/2014, in occasione dell’esposizione del bilancio comunale consuntivo del 2014, risultava, a detta del Sindaco, un risparmio di circa il 15% dall’assegnazione dell’appalto per la ristorazione scolastica. Dunque, per il capitolo dedicato alla refezione non è andata malaccio considerando insieme quel 18% rosicchiato alle famiglie e l’altro 15% risparmiato con il nuovo appalto.

Ma veniamo al dunque: cosa significherebbe per le famiglie passare dalla tariffazione mensile fissa ad una tariffazione giornaliera a consumo? Considerato che i bambini stanno in media a casa 3 giorni al mese per malattie varie, scioperi ecc. recuperare anche solo quei 3 giorni, cioè non pagare 3 pasti, significa un risparmio di oltre 12 euro sulla spesa mensile. A tutt’oggi, per avere un “rimborso pasti” ci vogliono ben 10 giorni di assenza certificata consecutivi, esclusi i festivi. E non di rado succede che venga rifiutato il rimborso di un periodo di 10 giorni, ancorché consecutivi, ma comprensivi di un “ponte”.

Tirando le somme, all’aumento di costo del pre e post scuola, all’impossibilità di scorporare i servizi di pre e post, alla condizione di alcune scuole materialmente inagibili ma dichiarate agibili dal Comune, vedi la materna E. Bertolè del Quartiere Sacca dove, tra qualche mese, i genitori dovranno farsi i lavori da sé, si aggiunge il fatto che il prezzo di un pasto nelle scuole di Ivrea è più alto di quello applicato dai Comuni limitrofi dove peraltro vengono già adoperati i buoni mensa. Le famiglie si sentono salassate e prese in giro!

Proprio nella Materna della Sacca, il giorno 5 Dicembre, durante una riunione infuocata tra Amministrazione comunale e genitori sulle condizioni inaccettabili dell’edificio, tra infiltrazioni d’acqua, muffe e vetri frangibili è emersa anche la questione mensa e alcuni genitori hanno chiesto agli assessori Vino e Capirone un impegno preciso in termini di tempi rispetto alle promesse fatte in quella lettera del lontano Ottobre 2013. L’assessore Augusto Vino, firmatario della lettera, ha tergiversato un po’ per asserire alla fine che i buoni ci saranno da febbraio. Alla domanda di una mamma su quale fosse stato il problema per la mancata conversione della tariffazione, l’assessore ha parlato di difficoltà concernenti l’interfaccia con le banche.

Con il Consiglio Comunale del 22 Dicembre il Movimento 5 Stelle di Ivrea presenterà una mozione per impegnare il Comune al passaggio immediato alla nuova tariffazione. Nell’era dei pagamenti telematici giustificarsi parlando di problemi tecnici con le banche non regge molto, sembrerebbe più una scusa per prendere tempo e fare cassa a spese degli utenti.

Pierre Blasotta (Consigliere comunale Ivrea 5 Stelle)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *