Dalla protesta alla proposta: “il governo di quartiere”

I cittadini di San Bernardo, a seguito dell’ennesima opera non condivisa, ovvero la cava/discarica che si intende realizzare nell’area” Le Fornaci”, nella riunione di quartiere del 17 luglio, hanno deciso di creare un comitato speciale di salvaguardia e gestione. I componenti che ne faranno parte saranno eletti tra i residenti del quartiere e andranno a formare il “governo di quartiere”dove svolgeranno il loro lavoro liberi dai condizionamenti della politica. Scopo principale dell’organo sarà quello di porsi come interfaccia con il comune e in secondo luogo amministrare e gestire in modo oculato il bene pubblico. Sfruttando il nuovo regolamento comunale che norma i rapporti con le associazioni, avrà piena facoltà di operare attivamente sul territorio del quartiere. Uno strumento rivoluzionario, che permetterà di portare a compimento il progetto del Nuovo Quartiere San Bernardo. Nelle prossime settimane verrà creata la documentazione necessaria per potersi candidare, l’obbiettivo è di riuscire a ultimare le elezioni per i primi mesi del 2015. 

Il ruolo del movimento 5 stelle è di natura organizzativa e mira ad aiutare la popolazione a creare gli strumenti di partecipazione di cui sopra. Nessun membro del movimento avrà incarichi attivi nell’organo! 

Ritornando brevemente sull’argomento cava, vogliamo ribadire con forza il concetto che la nostra opposizione all’opera è di natura politica: una cava in un centro abitato è una follia! 

Pierre Blasotta 

M5S – Ivrea 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *