Di rosso vestito

Leggendo i dati Istat sulla situazione italiana, si possono trarre preziose informazioni per capire l’andamento sociale, politico ed economico del paese. Gli Italiani con la licenza elementare sono ben il 22 % e quelli con la licenza media sono quasi gli stessi. In sostanza la metà della popolazione non è andata oltre la terza media e da questo dato si possono trarre conclusioni abbastanza evidenti.

CefDqk5VAAEEQs2

Una popolazione scarsamente istruita è facilmente raggirabile, docile e priva di una coscienza di classe. In questi trent’anni infatti il “Potere” ha cambiato addirittura vestito e pochi se ne sono accorti. Se un tempo il capitalista era l’uomo ben vestito dal cappello a cilindro, oggi è di “rosso vestito”, con uniforme casual e zainetto a tracolla, pronto a districarsi tra fallimenti pilotati, speculazioni finanziarie, falsi scioperi e trattative sindacali. Ovviamente non è solo il vestito ad essere cambiato, ma anche il cosiddetto schieramento politico. Se una volta il potere più reazionario “sedeva” a destra, oggi si è evoluto ed ha capito che il baluardo progressista, tipicamente di Sinistra, era meglio utilizzabile per ingannare le masse. (Vi invito a verificare di che colore erano i governi che hanno apportato modifiche involutive al paese.) Sia in Italia che in Europa, governi “rossi” lavorano alacremente per rivedere e ridiscutere diritti ottenuti con decenni di lotte. La Francia in questi giorni è attraversata da proteste violente a causa del Job’s Act voluto dal socialista Hollande. Vale la pena rimarcare la differente reazione tra il popolo Italico e quello Francese, sottolineando l’inutilità e la sottomissione dei sindacati nostrani. Ad oggi bene che vada gli scioperi Italiani durano poche ore, preventivamente concordate con i CDA o con i Ministeri e raramente sfociano in manifestazioni di piazza, anche queste rigorosamente organizzate per minimizzare il disturbo arrecato. A questo punto vi propongo una domanda: secondo voi, il fatto che i vertici sindacali abbiano stipendi vicini al mezzo milione di Euro l’anno quanto incide sulla loro docilità nei confronti del “Padrone”? Sicuramente generalizzare è sbagliato, questo è vero, ma quando vedi più gente allo stadio che in piazza, significa che qualcuno ha fatto bene il suo lavoro, e merita un lauto compenso. In questo gioco al ribasso dei diritti si vede chiaramente l’unica vera Unione Europea esistente, quella del capitale finanziario. Le leggi draconiane che tutti i paesi dell’unione si trovano a dover approvare hanno tutte la medesima origine, che non sono le legittime aule dei parlamenti ma altri ben altri tipi di salotti. Per tutti i governi che resistono, come nelle migliori tradizioni “famigliari”, le scelte sono due: plata o plom. (soldi o piombo). Qui da noi il piombo non serve, accettiamo senza esitare i soldi, ma dove la politica è stata veramente legittimata dal popolo, la strategia della tensione può aiutare a piegare i governi che non vogliono allinearsi.

Bisogna togliere a Cesare tutto quello che non gli appartiene. Paul Eluard

Pierre Blasotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *