Sì all’informazione, no al nucleare!

In decine di diverse manifestazioni i cittadini italiani hanno voluto
ricordare il disastro nucleare di Cernobyl a 25 anni dalla tragedia.
Le forze civili (associazioni,  gruppi politici, semplici cittadini),
unite sotto la bandiera gialla del’antinuclearismo, hanno voluto
dimostrare di non temere affatto la strisciante strategia di un
governo che si autolegittima massacrando l’unico istituto di
partecipazione realmente esistente nel nostro paese.
Ero a Trino per denunciare l’irregolare normativa italiana in termini
di informazione preventiva, contro la quale il MoVimento 5 Stelle ha
presentato un recente ricorso al Tar. I treni di scorie non vanno
fermati con la forza ma decretando la pesante irregolarità che ne
accompagna il transito. Mai più convogli nucleari occulti, mai più
risorse pubbliche investite nella delinquenziale tecnologia! E il 12
giugno avremo il quorum ai referendum, nonostante qualsiasi strategia
liberticida dei satrapi che ci governano!

Fabrizio Biolé – gruppo consiliare MoVimento 5 stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *