Un appunto sulle argomentazioni del consigliere Tullio Ponso

Il consigliere dell’IDV Tullio Ponso, colui che rafforza i propri ordini del giorno sull’acqua
citando le fatiche altrui quando parallelamente il suo partito ha
condotto una campagna referendaria alternativa confondendo i cittadini e con la bocciatura finale da parte della Consulta, ritiene “populista e ostruzionista”
il modo di fare politica del gruppo del MoVimento 5 Stelle.

Quando avrà rinunciato al proprio suggello alla censura perpetrata in
Consiglio sulle riprese audiovideo, quando il monotematico partito
che rappresenta articolerà programmi basati sull’ascolto dei
cittadini e non sullo sterile antiberlusconismo, quando oltre a
dichiararsi contro i privilegi avrà la prontezza di spirito di
rinunciare ad alcuni di essi, come alla truffa dei rimborsi
elettorali, potrà permettersi di analizzare il comportamento di un
gruppo che, unico in tutto l’emiciclo, dimostra la rettitudine di
enumerare e specificare tutte le forti motivazioni contro la
devastazione del territorio valsusino.

A Ponso, contrario sulla carta all’inutile disegno di legge 85, e a tutti i consilieri di
PD e PDL “conniventi”, i quali, utilizzando spregiudicatamente il
regolamento  del Consiglio, hanno spinto invece per la sua rapida approvazione,
segnalo un link utile che chiarisce le motivazioni del  nostro
accanimento contro la mafiosa gestione del progetto della linea ad Alta Velocità Torino-Lione: qui

 

Fabrizio Biolé – Gruppo Consiliare Regionale MoVimento 5 Stelle  e MoVimento 5 Stelle Cuneo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *