Universi Paralleli

Universi Paralleli

 

Universi paralleli

 

Se vedessi transitare, nel cuore di Roma, un corteo funebre in cui il feretro viene trasportato in carrozza, un elicottero sparge rose dall’alto e centinaia di persone salutano il “Re di Roma” mentre la banda suona a ritmo continuo, subito penserei ad un “funerale di stato”. In realtà, viste le vicende accadute, sarebbe più corretto dire “funerale dello stato”. Quando nella capitale, a delinquenti di ogni sorta, è permesso celebrare il potere mafioso alla luce del sole, in barba ai cittadini onesti, in quel preciso istante , il contratto sociale che regola la vita di uno stato viene inevitabilmente stracciato. L’Italia è in mano alla mafia e i partiti fanno affari d’oro con essa. Questa è una verità dura da accettare, ma è importante averla a mente, perché solo conoscendo il problema si può tentare di risolverlo. Ovviamente, le istituzioni minimizzano, nessuno sapeva niente, il sindaco Marino era in vacanza, insomma non è colpa di nessuno se un boss viene celebrato in piazza come un eroe. Basta con questo giustizialismo, ogni tanto chiudere un occhio ad un benefattore cosa volete che sia! A questo punto mi torna alla mente la massima ermetica del “così in cielo così in terra”. Così a Roma così ad Ivrea?? Speriamo di no, però, c’è un argomento spigoloso che si protrae da anni nella nostra piccola comunità, attraversa le legislature e ambisce al condono. Ci sono due tipi di cittadini anche qui da noi. Quelli che possono fare, e quelli che non possono. Se un qualunque cittadino del secondo gruppo, venisse mai in mente di dar fuoco ad un ricovero per attrezzi e successivamente edificare una villa abusiva, la Giustizia Divina scoccherebbe frecce infuocate e, con tutta la forza dell’olimpo punirebbe senza remore di sorta i colpevoli. Insomma, provate a fare la facciata di casa vostra di un colore leggermente diverso dalla legge e poi vedete cosa succede. Ovviamente il rovescio della medaglia è che i cittadini del primo gruppo, possono invece costruire, abitare, temporeggiare, contrattare ecc. senza perdere il sonno alla notte. In questo caso la burocrazia è inesorabilmente eterna, lungaggini di ogni sorta, ricorsi, contro-ricorsi, interpretazioni… Insomma, quando una cosa non si vuole fare, i metodi si trovano. Non a caso un edificio che dovrebbe essere abbattuto già da anni, svetta imperterrito in tutta la sua maestà e potere. Simbolo della disuguaglianza, del favore e della protezione. Anche in questo caso tutti sanno (ma proprio tutti) e va bene così. Essendo vicende note e scabrose, mi aspetterei che anche altre figure ed associazioni dicessero la loro sulla vicenda, mi viene in mente Libera, che normalmente, in altri territori è molto sensibile a queste “particolari” vicende. Tutto tace e non mi meraviglia, il silenzio ha un valore preciso in ogni cultura e società, in alcuni gruppi è addirittura premiato ed è simbolo di fedeltà. Insomma, al lettore l’ardua sentenza anche se credo che così ad Ivrea, come a Roma, qualcuno dovrebbe pensare seriamente di lasciar posto ad altri.

PS: oltre alla violazione in termini di legge, la vicenda è un esempio lampante di come il consiglio comunale venga costantemente esautorato del suo ruolo. Nello specifico, al vaglio del consiglio sono passate la Delibera N° 83 del 2012 e la mozione di sollecito del M5S del Marzo 2014. Entrambe passate a maggioranza dei voti ed entrambe disattese. Anche la magistratura è stata informata dei fatti sul con esposto avente titolo: art. 328 c.p. -Segnalazione di presunta omissione di Atti di ufficio.

Pierre Blasotta

One thought on “Universi Paralleli

  1. Non si può non essere d’accordo e in aggiunta il titolo ” Universi paralleli” , da solo spiega già molto . Nonostante sia scritto con una leggera vena ironica lascia sempre un po’ di amaro perché non si capisce come mai nulla accada nonostante le segnalazioni ufficiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *